EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

I simboli di Pasqua, le uova, le campane ed i coniglietti

 


I simboli di Pasqua sono la colomba, le uova e le campane. Di origine molto remota, i simboli di Pasqua fanno riferimento al mistero della vita e alla rinascita.

I simboli di Pasqua le uova e le campane
Le uova, sin dall’antichità, sono state considerate un simbolo di rinascita e di vita. In epoca romana erano considerate beneauguranti e dopo averle colorate di rosso si sotterravano in campagna. Si credeva che potessero allontanare il male assicurandosi così un buon raccolto. In seguito alla scoperta delle Americhe e all’arrivo del cacao, le classi più ricche hanno iniziato a consumare le prime uova di cioccolato. Il loro valore simbolico è rimasto intatto nei secoli ed ancora oggi è tradizione non soltanto donare le uova ma anche consumarle. In tutta Italia, durante le festività pasquali è consuetudine usarle per piatti dolci e salati.
Invece, le campane pasquali hanno un chiaro riferimento alla religione. Il loro utilizzo si spiega con l’abitudine al non farle suonare durante la settimana santa. In segno di lutto e per ricordare il sacrificio e la morte di Gesù le campane non suonano dal giovedì al sabato santo. Lo scampanio riprende soltanto il giorno di Pasqua quando si annuncia la resurrezione.
Sono fra i decori più tradizionali e si trovano anche sottoforma di dolce.

I simboli di Pasqua, i conigli

I coniglietti, di peluche o di cioccolato, sono tipici della festa di Pasqua. Il loro utilizzo si spiega facendo riferimento alle lepri che per i primi cristiani era sinonimo di rinascita.
Inoltre, la lepre è sempre stata inclusa fra gli animali più prolifici del nostro pianeta. Col passare dei secoli è stata sostituita dal coniglio che simboleggia quindi la vita e la risurrezione.
I conigli di Pasqua hanno la particolarità di essere presenti nelle tradizioni di molti Paesi, come per esempio gli Usa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *