EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

I dolci di Natale italiani, un giro goloso

 

 

I dolci di Natale italiani più conosciuti sono il panettone ed il pandoro ma ne esistono davvero tanti. Vi portiamo a conoscere alcuni dei dolci di Natale italiani della tradizione.

I dolci di Natale italiani nel Nord e nel centro Italia
In ogni regione italiana per Natale si preparano piatti succulenti e dolci elaborati da accompagnare con liquori o vini dolci.
In Friuli Venezia Giulia si festeggia con la gubana, un rotolo di pasta arrotolato su sé stesso fino a formare una spirale. La farcia è composta da frutta secca aromatizzata con della grappa.
Il pan pepato si prepara in molte zone del centro, dal Lazio all’Umbria, ed è un pane dolce profumato con pepe ed altre spezie.
Sulle tavole lombarde, oltre al panettone e al pandoro, si trova il torrone, tipico di Cremona, e la bisciola, tipico della Valtellina. A Lodi si mangia la tortionata mentre nell’area della bergamasca la polenta e osei.
La gastronomia piemontese è caratterizzata dal tronchetto di Natale creato con pandispagna farcito e poi ricoperto di cioccolato. Più antico e semplice è il bonet.
In Trentino i fine pasto delle festività sono i biscotti speziati e lo zelten, profumato con cannella e rum.
In Valle d’Aosta si porta in tavola una torta squisita detta mecoulin.
Invece, in Toscana non può mancare il panforte, un dolce di origine remota a base di frutta secca ed altri ingredienti come il marzapane ed il cacao.

I dolci di Natale italiani nel Sud e nelle Isole

Le pettole, in Puglia, segano l’avvio del periodo di Natale e si cucinano per l’Immacolata. Invece, le cartellate sono i dolci più rappresentativi dei giorni di festa. Si tratta di sottili liste di pasta fritte e poi immerse nel mosto.
Le specialità della Campania comprendono gli struffoli, i susamielli ed il rococò, ricco di frutta secca.
Per le feste natalizie in Sardegna si gusta il pane ‘e saba, preparato con il mosto cotto, ed is pabassinos biscotti romboidali ricoperti di glassa.
I ceci sono usati in Basilicata per riempire i calzoncelli che, solitamente, vengono serviti con le canastrelle.
Simile al panettone è il parrozzo dell’Abruzzo dove si cucinano anche le ferratelle,
In Sicilia oltre ai tradizionali cannoli e alla cassata si prepara la pignolata, il torrone ed il buccellato.
La cucina delle feste in Calabria prevede delizie come la cicirinata, i turdilli e la pitta ‘mpagliata, una sorta di pizza dolce ripiena di frutta secca e miele. Tipici anche i crucitti, ossia fichi secchi farciti con le noci e glassati con cioccolato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *