EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Picnic, come organizzarlo al meglio

I picnic sono tipici dei ponti primaverili del 25 aprile e del primo maggio. Per i nostri picnic dobbiamo pensare a cibi leggeri , nutrienti e facili da consumare.

Picnic, l’attrezzatura

L’attrezzatura necessaria per un picnic comprende una borsa frigorifero e i ghiaccioli o mattonelle, delle buste per la raccolta differenziata, posate, bicchieri e tovaglioli. E’ anche necessario un thermos per il poter gustare un buon caffè caldo.
In commercio si trovano tantissime soluzioni pratiche ed economiche che consentono di trasportare in sicurezza il cibo.
Per il pranzo al sacco non bisogna dimenticare un telo o una coperta ed eventualmente dei cuscini.
Il cibo da preparare per la scampagnata deve essere pratico da consumare anche senza posate. Si possono cucinare torte salate, tramezzini, panini e frittate. Nel menù si possono aggiungere spiedini, anche di sole verdure, polpette, polpettoni e sformati, per esempio di riso o di altri cereali. Da bere tanta acqua, bibite, succhi e per chi non guida vino e birra.
Per concludere il pranzo al sacco si può gustare una fetta torta o di crostata, dei biscotti o una macedonia di frutta fresca.
Durante la stagione calda, per questioni di salute, è preferibile evitare cibi che contengano uova crude o non pastorizzate.

Picnic le mete
Le destinazioni nelle quali consumare il pranzo al sacco sono davvero tantissime. Nella scelta è bene verificare preventivamente che non vi siano vincoli o regole particolari. Se è possibile è opportuno preferire i luoghi dove sia disponibile un riparo in caso di vento o di temporale. Non si accendono fuochi a meno che non vi siano degli spazi ad hoc e qualora lo si facesse prima di andare via bisogna accertarsi che siano perfettamente spenti.
Lasciate l’area perfettamente pulita, rimuovendo tutti i rifiuti.
Il picnic si può organizzare al mare, al lago ma anche in un parco cittadino. In alternativa si può preferire la montagna che rappresenta una destinazione meravigliosa anche in primavera ed estate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *