EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Castagnole, dolci di Carnevale

Le castagnole sono dolci tipici di carnevale. Piccole e cosparse di zucchero o miele le castagnole sono polpettine fritte.
A carnevale la tradizione vuole che si cucinino pietanze sostanziose ed appetitose, molto differenti da quelle che si porteranno a tavola a Quaresima. Una caratteristica che accomuna moltissimi piatti dei giorni carnevaleschi è la frittura che in passato avveniva nello strutto. Il significato del termine carnevale sarebbe “levare la carne” dal latino “carnem levare” proprio perché dopo i pasti abbondanti di queste feste la Quaresima impone il mangiare di magro. L’origine del carnevale è piuttosto remota e risalirebbe a riti precristiani diffusi già nell’antica Roma. Prima dell’arrivo della bella stagione era consuetudine festeggiare sovvertendo l’ordine sociale, mascherandosi e partecipando a sfilate e divertimenti pubblici.
Fra le tante versioni abbiamo scelto una ricetta veloce ed adatta anche a chi è poco esperto. Possono essere arricchite con l’aggiunta di ricotta, scorza di limone, vino bianco o liquori.
Passiamo ora alla preparazione delle castagnole.
Ingredienti:
250 grammi di farina
½ bustina di lievito per dolci
2 uova
50 grammi di burro
100 grammi di zucchero
grappa
Miele
Olio di girasole

Mettiamo la farina in una ciotola con lo zucchero ed aggiungiamo il burro a temperatura ambiente. Incorporiamo le uova precedentemente sbattute ed impastiamo con un cucchiaio. Aggiungiamo mezzo bicchierino di grappa, continuando a lavorare con le mani fino ad avere un impasto sodo. Formiamo un panetto, copriamolo con la carta trasparente e lasciamo rassodare in frigorifero per circa 20 minuti.
Su un piano di lavoro infarinato dividiamo la pasta in panetti ricavando dei salamini. Con un coltello affilato tagliamo dei piccoli pezzi da lavorare con le mani in modo da creare delle polpettine. Sistemiamo le castagnole su un vassoio e scaldiamo abbondante olio. Friggiamone poche per volta, giriamole delicatamente e scoliamole. Dopo averle passata nella carta assorbente ricopriamole di miele precedentemente sciolto a bagnomaria.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *