EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Festa di Santa Lucia, storia e tradizioni

 

La festa di Santa Lucia cade il 13 dicembre. La ricorrenza della festa di Santa Lucia è molto viva e sentita in Sicilia, in Veneto ma anche in Liguria e Lombardia. Per il 13 dicembre si ricevono e fanno piccoli doni, si tengono eventi religiosi e civili e si preparano dolci tradizionali.


Patrona di chi ha problemi di vista e dei non vedenti la festa di Santa Lucia è associata anche ad un evento astronomico. Un antico adagio asserisce che “Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia”. Oggi l’affermazione non corrisponde più alla realtà perché si riferisce ad un periodo precedente all’introduzione del calendario gregoriano.

Festa di Santa Lucia, le usanze
Per la festa di Santa Lucia le tradizioni sono molto antiche e radicate.
E’ abitudine che per la festa di Santa Lucia scrivano delle letterine indirizzate alla Santa dove si esprime il desiderio di ricevere alcuni doni.
Per ringraziare lei e il suo asinello, che l’accompagna sempre, la notte fra il 12 ed il 13 dicembre vicino alla porta di casa si mettono un bicchiere di latte o di vino e delle carote o del fieno. Santa Lucia non vuole essere vista ecco perché la notte del 12 dicembre bisogna andare a letto presto.
In occasione della festa di Santa Lucia si mangiano piatti tipici come dei biscotti di frolla farciti di crema. Inoltre si tengono processioni, sagre e mercatini di prodotti tipici.

Festa di Santa Lucia, la storia
La storia della festa di Santa Lucia è molto viva e radicata. La leggenda della festa di Santa Lucia racconta che la protagonista vivesse con la madre ammalata durante l’impero di Diocleziano. Per ottenere la guarigione si recano insieme a pregare sulla tomba di Sant’Agata. Qui Lucia ha una visione, decide di convertirsi e di rompere il fidanzamento. Subito dopo la giovane viene processata come cristiana e sottoposta a terribili tormenti che però non la inducono ad abiurare la fede. Durante il processo a Lucia avvengono numerosi fatti miracolosi che però non smuovono le coscienze degli arconti romani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *