EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Salsa mostruosa per Halloween

Per il giorno di Halloween prepariamo una salsa mostruosa da accompagnare con pane tostato o grissini. La salsa mostruosa è una deliziosa crema di colore rosso, ottenuta con le barbabietole rosse.

La salsa mostruosa per Halloween si può servire ad una festa per bambini o per adulti perché ha un sapore molto goloso ed insolito. Inoltre, la ricetta viene completata con dei chicchi di mais con i quali creare l’immagine di una zucca intagliata.

La decorazione della salsa mostruosa può essere personalizzata decorandola, per esempio, con un sorriso inquietante realizzato con delle olive al posto degli occhi mentre per la bocca sdentata si ottiene facilmente con del formaggio tagliato in piccoli triangoli.

Il giorno di Halloween è tradizione mascherarsi, illuminare zucche, fare scherzi e gustare piatti a base di ingredienti di stagione come le zucche e le barbabietole rosse. In origine erano proprio queste ad essere intagliata e soltanto col passare del tempo sono state sostituite dalle più versatili e diffuse zucche.

La salsa mostruosa per Halloween, ecco come prepararla

Ingredienti:
6 barbabietole rosse precotte
150 grammi di maionese
1 pizzico di sale
100 grammi di ricotta
Pane raffermo
1 spicchio di aglio
Mais in scatola

Assicuriamoci che le barbabietole siano perfettamente pelate; nel caso le comprassimo fresche è opportuno lessarle per circa 45 minuti, farle freddare e poi sbucciarle.

Tagliamo le barbabietole a tocchetti e mettiamole nel boccale del frullatore con la maionese. Iniziamo a frullare a scatti proseguendo fino ad ottenere una crema liscia e senza grumi.

Aggiungiamo la ricotta e frulliamo ancora.

Condiamo con un pizzico di sale e trasferiamo in una ciotola trasparente e decoriamo usando il mais.

Creiamo due triangoli al posto degli occhi ed un triangolo con il vertice rovesciato per la bocca.

In una padella antiaderente tostiamo il pane a fette dopo averlo strofinato con lo spicchio d’aglio.

Serviamo la salsa mostruosa e sistemiamo vicino il pane caldo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *