EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

La storia di Jack O’Lantern

La festa di Halloween è caratterizzata da grandi zucche intagliate, all’interno delle quali viene posto un lumino o una candela.

Nei Paesi anglofoni sono note come Jack O’ Lantern, il protagonista della leggenda di Halloween. La tradizione vuole che Jack fosse un fabbro irlandese, dedito al bere; una sera il diavolo cercò di portarlo con sé all’inferno ma l’astuto Jack gli chiese se si fosse potuto trasformare in moneta, così da poter pagare il suo ultimo bicchiere di vino. Il diavolo acconsentì e Jack mise il soldo in tasca, vicino ad una croce impedendo al demonio di poterlo trascinare via. Jack ed il diavolo scesero a patti: lui lo avrebbe lasciato libero ed avrebbe ottenuto dieci anni di vita. Al termine del periodo, il demonio tornò da Jack per condurlo all’inferno ma il fabbro irlandese gli chiese di cogliere per lui una mela; appena il diavolo si trovò sull’albero, tracciò una croce sul tronco impedendogli di scendere. Il diavolo promise che non sarebbe mai più tornato a tormentarlo e Jack continuò a condurre una vita all’insegna del peccato e del bere.

Quando esalò l’ultimo respiro la sua anima salì in paradiso dove venne rifiutata; provò all’inferno ma il diavolo non volle accettarlo per via delle sue tante beffe. Per punirlo gli lanciò contro una brace ardente che Jack raccolse e mise all’interno di una rapa. Da quel giorno divenne Jack O’Lantern perché continua a vagare nel mondo dei morti. La zucca illuminata, generalmente, viene messa fuori dall’uscio di casa in modo da scacciare l’anima di Jack condannata a non avere mai pace.

Nel corso dei secoli la tradizionale rapa è stata sostituita dalle zucche che sono entrate, a tutti gli effetti, fra i simboli di Halloween. Per il 31 Ottobre è tradizione preparare golosi dolcetti che i bimbi portano con sé quando si recano nelle case per ottenere piccoli doni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *